Si ferma il cammino positivo degli arancioni che escono sconfitti dal confronto con la attuale capolista. Anche se uno stop era nell’ordine delle cose tuttavia vista la partita vien da pensare che la gara poteva avere un esito diverso.
Sia chiaro che il Cus Pisa ha giocato una ottima gara passando subito in vantaggio. Pistoia come stordita ci ha messo molto tempo a svegliarsi e quando lo ha fatto era già sotto di tre reti. Va detto che alcuni atleti arancioni non erano al meglio per problemi muscolari che li hanno fatti tribolare in settimana tuttavia il team pisano ha fatto pesare la qualità e l’esperienza di un gruppo atleti provenienti dalla massima serie. Alcuni, anche se molto giovani hanno veramente talento.
Gli arancioni hanno iniziato a dare i primi segni di vita solo all’inizio del secondo tempo, reggendo la pressione dei padroni di casa e controbattendo portando aventi il baricentro della squadra. Questo lavoro da i sui frutti. Arriva un giusto rigore che Capitan Mascia realizza con freddezza. Gli arancioni si gettano all’attacco approfittando del buon momento ma Pisa li punisce ancora in contropiede. Tuttavia Pistoia non demorde ed accorcia le distanze con Cioni (veramente ottimo il suo comportamento in questo campionato), i gialloblu sono ora meno performanti ed il malese Azri sbaglia clamorosamente la rete del 3-4 a porta praticamente vuota. Infine all’ultimo un’altra occasione un corner corto purtroppo malamente giocato. Peccato perché le due occasioni se ben sfruttate avrebbero potuto significare un pareggio insperato.
Comunque sia adesso va chiusa questa pagina e concentrarsi sulla gara del 2 novembre al “Bruschi” di Montagnana contro una squadra difficile da affrontare perché il Cuscube Brescia è riuscito a sconfiggere un Superba Genova che marciava a pieno regime. L’obbiettivo dei ragazzi del presidente Fedi è far punti assolutamente.
Nel fine settimana oltre alla serie A2 esordiscono al “Bruschi” le ragazze il 1 novembre contro Reggio Emilia, una ottima occasione per vedere l’hockey giocato al femminile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.