C’e un po’ di rammarico nelle facce degli atleti arancioni al rientro nello spogliatoio a fine gara, consapevoli che dopo una partita condotto quasi sempre in vantaggio nel finale è sfumata l’occasione di portarsi decisamente nelle parti alte della classifica a ridosso delle copoliste.
Pistoia ha iniziato bene la gara con l’intenzione di sfruttare il fattore campo ed infatti il Cuscube Brescia subisce la pressione dei padroni di casa che guadagnano dei corner corti. E qui Capitan Mascia non perdona realizzando il doppio vantaggio con il quale si chiude il primo quarto. Si può ben dire che questa sia la miglior notizia della giornata: Mascia dimostra di aver ripreso la condizione mentale e fisica per ottimizzare una delle armi che Pistoia ha a disposizione per segnare.
Tuttavia Brescia non si perde d’animo e approfittando, probabilmente, di un calo di concentrazione dei toscani accorcia le distanze prima del riposo. Nella ripresa Pistoia non è brillante come nella prima frazione, il Cuscube costruisce buone trame di gioco ed alla fine riesce a pareggiare. C’è ancora tempo, Pistoia si scuote e riesce a giocare meglio e portandosi ancora in avanti ancora con Mascia e sempre su azione di corner corto. Sembra fatta ma tra le due squadre, da ormai due campionati, sembra ci sia una regola non scritta dell’equilibrio in campo perché, appunto, le partite finiscono in parità. E’ cosi anche in questa: gli arancioni non riescono a tenere a bada i lombardi che nel finale raggiungono un insperato 3-3 che li porta nella parte medio – bassa della classifica ad un punto proprio da Pistoia.
La prima parte del campionato volge al termine, sabato Pistoia va a far visita al Reggio Emilia, società che non nasconde la volontà di ambire alla A1 avendo i mezzi e gli atleti per farlo. Quindi una gara difficilissima per Mascia e compagni tuttavia bisognerà provare a portar via punti buoni per la fase primaverile.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.