Tentar non nuoce parafrasando questo motto si pu riassumere latteggiamento della formazione Under 16 dellHockey Club Pistoia impegnata domenica prossima nella prima giornata della fase eliminatoria del campionato di categoria. Limpegno si svolger nel bellimpianto del Centro Universitario di Pisa; a questa fase parteciperanno le squadre Cus Pisa A, Cus Pisa B, Hc Potenza Picena e Hockey Club Pistoia, che alla fine delle gare nei turni di andata e ritorno, solo la prima avr il titolo di partecipare alla finale di area prevista a Roma. Come si diceva nel titolo, gli arancioni proveranno a giocare un brutto tiro alle altre formazioni, soprattutto al Cus Pisa accreditato al passaggio alla fase successiva. Si intravede equilibrio nel girone: il Cus Pisa ha le chances migliori per vincere grazie ad un organico di ottima tecnica e che gioca praticamente a memoria, il Potenza Picena ha sempre proposto formazioni arcigne e in condizioni fisiche ottime, rimane da verificare la forza della seconda formazione dellCus Pisa e cosa possono esprimere i nostri ragazzi. Gli arancioni stanno recuperando alcuni atleti reduci da infortuni e che sicuramente non saranno al top della condizione, inoltre dovranno fare affidamento ancora sui pi giovani. Nel torneo di Befana svoltosi a Pisa il 5-6 gennaio hanno fornito buone prove sia nella competizione riservata agli Under 14 (dove sono giunti secondi dietro ai padroni di casa) sia nella categoria superiore dove, pur pagando linesperienza ed il minor bagaglio tecnico, quando hanno rispettato le disposizioni della panchina sono stati in grado di dare filo da torcere a squadre titolate (come nella partita con il fortissimo Hockey Club Savona). Si pu sperare di migliorare i risultati dello scorso campionato: i pistoiesi fornirono una buona prestazione anche contro squadre pi esperte, riuscirono a battere il Cus Pisa, impattarono con il Potenza Picena in un incontro dove alcune decisioni arbitrali penalizzarono i nostri, il Cus Pisa poi, conquist con merito il passaggio vincendo ampiamente tutti gli incontri, ma i nostri uscirono dalla competizione a testa alta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *