Pistoia, 27 marzo. La scorsa domenica poteva essere una data da poter ricordare in quanto dopo ben sette anni si tornava a giocare ad hockey su prato nella versione classica, ad undici, in un impianto a Pistoia. Grazie alla disponibilità dei gestori del complesso sportivo “Legno Rosso” ed alla omologazione dell’impianto da parte della federazione nazionale, seppur per incontri giovanili, finalmente la società pistoiese poteva disputare degli incontri agonistici in città di fronte ad un pubblico amico. Dopo la gara si può dire una festa a metà in quanto i giovani arancioni hanno disputato un incontro sotto tono contro un Cus Pisa che ha giocato un’onesta partita, terminata per 4 reti a 0, sfruttando i numerosi errori dei pistoiesi e guadagnando la vittoria nel primo tempo disputato in maniera davvero poco positivo dagli Under 16 di casa. Nel secondo tempo le cose sono andate meglio, gli arancioni hanno alzato il baricentro del gioco e si sono fatti attori della gara; il Cus si è messo in difesa ma ha rischiato veramente grosso perchè in ben tre occasioni gli avanti arancioni si sono presentati soli davanti al portiere fallendo per un nulla la segnatura; probabilmente giocando così nel primo tempo la partita avrebbe potuto prendere un diverso destino. Ci sono alcune attenuanti da invocare: alcuni atleti importanti si stanno riprendendo da piccoli infortuni che non hanno permesso loro di essere in buona forma, si vede che i ragazzi pistoiesi non hanno abitudine a giocare in spazi larghi come i loro coetanei pisani che invece dispongono di un campo sul quale possono sempre allenarsi, mentre gli arancioni effettuano allenamenti solo in palestra e ciò cambia molto l’attitudine al gioco. Queste ragioni che comunque non bastano a spiegare una sconfitta soprattutto nel gioco. Starà adesso ai tecnici ed agli atleti ragionare su quanto successo, preparandosi al prossimo incontro ancora al “Legnorosso” contro l’Hockey Parma il prossimo 17 aprile.

Lascia una risposta