Dopo una eccellente stagione indoor nella quale la società arancione si è messa in luce arrivando addirittura a competere per lo scudetto e piazzandosi al terzo posto ai nazionali con i suoi giovani under 16, riprende la stagione dell’hockey su prato con gli under 21 che esordiscono in casa contro il Reggio Emilia. Il girone di andata è stato durissimo: tra lunghi infortuni e varie indisponibilità, i pistoiesi sono stati costretti ad affrontare le gare con un gruppo formato da under 16 con qualche atleta più esperto disputando un campionato per “fare esperienza” ma rimediando pesanti sconfitte. La gara contro gli emiliani ha dimostrato che i ragazzi hanno fatto passi avanti, il risultato a favore del Reggio Emilia (1-3) non è del tutto veritiero per quanto si è visto in campo; ma solo l’esperienza degli amaranto unita ad un buona dose di sfortuna ha fatto si che i giovani arancioni uscissero sconfitti. La gara si è aperta con gli ospiti più insidiosi e i pistoiesi contratti, come al solito nelle gare di apertura, attenti a difendersi dalle veloci folate degli emiliani; l’incontro è rimasta in sostanziale equilibrio fino a metà del primo tempo quando la difesa arancione, sotto pressione degli amaranto, ha permesso ad un attaccante di colpire la la pallina indisturbato portando in vantaggio gli ospiti. La reazione dei pistoiesi non si è fatta attendere, hanno avanzato il baricentro del gioco e si sono resi pericolosi: clamorosa la traversa colta da Vivarelli, bissata poco dopo da Capecchi che solo davanti al portiere ha fallito di un niente la rete del pareggio. Gli emiliani sono stati più concreti: in finale di tempo hanno raddoppiato complice anche una deviazione di un difensore arancione che ha messo fuori causa Michelozzi. Nella ripresa i nostri ragazzi sono scesi in campo con un atteggiamento diverso: alcuni cambiamenti all’assetto della squadra hanno permesso ai pistoiesi di bloccare la costruzione del gioco degli ospiti e costringerli alla difesa, buone le trame dei passaggi anche se non si riusciva a concretizzare il gran lavoro del centrocampo, ma la difesa emiliana era costantemente sotto pressione costretta a difendersi dai corner corti, proprio nell’esecuzione di un tiro di questi Arcangeli coglieva un palo nettissimo con gran disappunto dei tifosi accorsi a vedere, finalmente a Pistoia, una gara di hockey. Questo era il momento migliore dell’HC Pistoia, il Reggio era un pò in affanno sotto la costante minaccia di cross dalla destra che creavano situazioni pericolose in area, proprio in una di queste Piccolo colpiva al volo l’ennesimo cross di Vaiani sembrava rete fatta ma la pallina impattava il portiere avversario negando ai pistoiesi la rete. Ma, come dicevamo, l’esperienza del Reggio Emilia si è vista quando, in una pausa degli attacchi dei nostri giovani, si è riuscita a conquistare un corner corto e realizzarlo complice anche qui, di un tocco di un difensore che ha modificato la traettoria di tiro ingannando il proprio portiere; ma Pistoia è ancora in gara ed attacca: finalmente negli ultimi minuti riesce a segnare la rete della bandiera con Menichini realizzando su corner corto. Alla fine non possiamo che incoraggiare i giovani pistoiesi per la buona gara disputata, con un pò più di fortuna il risultato sarebbe stato positivo e non sarebbe stato demeritato. Adesso però è già tempo di pensare al 18 marzo quando scenderà a Pistoia l’HT Bologna, una prestazione simile potrebbe portare i primi punti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *