La due giorni a Castello d’Agogna si conclude con un stretto quarto posto per la formazione senior maschile dell’Hockey Club Pistoia. Il ritorno dalla Finale nazionale per l’accesso alla Serie A di hockey indoor ha lasciato molto amaro nelle bocche di giocatori e tecnici, consci di non aver dato il 100% nelle quattro partite a disposizione.

Che il Pistoia non è mai in partita lo si vede subito con la prima sfida in programma sabato 2 febbraio con il Savona, il vantaggio iniziale del pistoiese Fedi su corner corto è solo frutto della distrazione degli avversari, perché i savonesi hanno più determinazione e più voglia di vittoria degli arancioni che non riescono mai ad esprimere le proprie potenzialità. Manca corsa, precisione e soprattutto concentrazione al Pistoia che si fa raggiungere e poi superare dal Savona. Non basta il pareggio a fine primo tempo di Bartolini su azione a svegliare gli animi, perché il secondo tempo è fotocopia del primo, con il Savona a produrre gioco e il Pistoia alla ricerca di una propria identità. Le possibilità di portarsi in vantaggio pur giocando male ci sarebbero, ma la giornata no dei corner corti battuti dai pistoiesi chiude definitivamente ogni speranza. La superiorità dei savonesi si concretizza su corner corto sul finire del secondo tempo terminando l’incontro per 3 reti a 2.

Non va meglio nella seconda partita contro la formazione dell’Olimpia di Torre Santa Susanna che non ci pensa due volte a sfruttare al meglio la crisi pistoiese rifilando 4 reti nel primo tempo a disposizione (inutile il momentaneo 1 a 1 di Tarres). Questa volta la rabbia del tecnico Malvaso a fine primo tempo riesce a scuotere i suoi giocatori, che in pochi minuti ribaltano le sorti dell’incontro con le reti Iacomelli (tre), Triunfo (due) e Tarres. Il risultato finale di 8 reti a 6 per i pistoiesi (a segno anche Salvi) dimostra realmente le capacità della squadra nell’hockey al coperto.

Con una vittoria su due incontri disputati sabato, la corsa per giocarsi l’accesso alla Serie A per l’HC Pistoia con le altre squadre si riduce al minimo. Le avversarie del secondo giorno di finale, Moncalvo e Bondeno sono molto più in palla dei pistoiesi che come da pronostico si giocano l’accesso alla serie superiore. La posta in palio è alta e lo si vede nella partita contro la Moncalvese che rifila un netto 6 a 1 (unica rete di Fedi) in un incontro che fin dalle prime battute si fa a senso unico per la squadra di Moncalvo. Testa e soprattutto gambe non sono più nei giocatori arancioni. Una inversione di tendenza della squadra pistoiese sia ha nell’ultimo incontro con la formazione del Bondeno, superiore di categoria (partecipa la campionato di Serie A di hockey prato) e tecnica, che però trova nella rabbia del Pistoia un ostacolo molto duro da superare. Il risultato incerto per gran parte dell’incontro tiene in ansia il pubblico che si delinea solamente nell’ultime battute chiudendo l’incontro a favore della squadra di ferrara per 5 reti a 2 (doppietta di Fedi).

Si chiude il campionato indoor con la promozione in Serie A dell’Hockey Club Bondeno. Ora tutte le attenzioni sono per il campionato di hockey prato con inizio il prossimo 24 febbraio con la formazione romana dell’Olimpia. Prima però è in programma mercoledì 13 la gara di ritorno di Coppa Italia contro il CUS Pisa.