Il saluto delle squadre prima del fischio di inizio

Il saluto delle squadre prima del fischio di inizio

L’attivita’ sportiva dell’Hockey Club Pistoia è costantemente in moto. Si è appena chiusa la fase di andata dei campionati outdoor (cioè all’aperto) e già sono stati disputati alcuni concentramenti gare della stagione indoor (cioè in palestra). In questa fase si è avuta una grossa novità: la società arancione ha deciso, in virtù’ degli ottimi comportamenti dei suoi giovani nel campionato di A2, di puntare su questo gruppo che è di fatto l’ossatura della formazione maggiore. Inoltre, approfittando della assenza concordata a suo tempo, dell’allenatore storico Filippo Treno ha affidato la squadra ed anche la formazione under 21 a Caterina Mucci; anch’essa “allenatrice storica” delle formazioni giovanile che, quindi, conosce bene gli atleti di questo gruppo. Nonostante possa essere un rischio affidarsi a ragazzi così giovani per una competizione che ha una formula cosi selettiva (girone con solo scontri diretti) si è preferito dar modo a questi atleti di fare esperienza senza aver niente da perdere, ma con l’obbiettivo di portarli ad avere competenze tali da provare in un futuro non lontano a rinverdire il palmares della società pistoiese che, ricordiamolo, è stata nei campionati 2011/12 e 2012/13 vicecampione d’Italia. Mucci è stata una scelta naturale, segue questi ragazzi con competenza e passione da anni e se molti di loro giocano in prima squadra è merito del suo lavoro svolto in questi anni.

La prima uscita degli under 21 è stata un po’ sfortunata, Mucci ha dovuto rinunciare ad alcuni atleti quasi tutti del comparto offensivo convocando degli under 17, addirittura poi nella prima gara contro Cus Pisa, una vera battaglia, ha dovuto rinunciare per l’intero concentramento anche a l’unico attaccante di ruolo, Vaiani ,ko per un bruttissimo fallo compiuto da un giocatore gialloblu’ che avrebbe meritato una espulsione definitiva. Cio’ nonostante la gara è stata in bilico sino all’ultimo ma i pisani sono riusciti a segnare il 4-3 nel finale gara. Dopo essersi sbarazzati del Cus Padova, gli arancioni hanno affrontato nella terza gara del giorno il Parma, formazione sicuramente alla loro portata ma dopo un primo tempo nel quale hanno sbagliato moltissimo realizzando una sola rete, nella ripresa non sono stati più in grado di essere lucidi ed hanno subito la rimonta degli emiliani che hanno vinto per 3-1. Con questa sconfitta il cammino verso la fase finale è molto complicato, nel concentramento di gennaio occorrerà vincere tutte le gare e sperare in qualche passo falso delle avversarie.

La formazione di arancione impegnata nella indoor League ha esordito con una buona prestazione ma ha sprecato molto e raccolto meno di quanto meritasse. Questo è successo specialmente nella prima gara contro l’Hockey Team Bologna: in vantaggio nella prima frazione con Braccini e Vivarelli non sono riusciti a chiudere la gara già nella prima frazione; nel secondo tempo i bolognesi si sono gettati all’attacco per rimettere in pari l’incontro, poi qualche errore in difesa permette ai felsinei di accorciare ed infine pareggiare quando alcune dubbie decisioni arbitrali hanno messo gli arancioni a giocare in inferiorità numerica, un vero peccato perché’ Pistoia aveva dimostrato di poter aggiudicarsi la gara. Nella seconda gara Pistoia disputa il derby contro Cus Pisa , i gialloblù hanno schierato la loro migliore formazione e puntano ad arrivare alla finale. I giovani di Mucci partono bene e dopo dieci minuti sono sul 2-0 ma i pisani con pazienza ruotano i loro uomini e lentamente riprendono il bandolo della partita, infallibili sui corner corti chiudono la prima frazione sul 4-2, la seconda parte è sostanzialmente in equilibrio; Pistoia gioca meglio che nel primo incontro ma il tasso tecnico dei avversari è superiore e questa crescita non basta , Pisa vince ma gli arancioni non hanno demeritato. “Nonostante qualche errore sono contenta dei miei atleti, c’è la possibilità di crescere e far bene, dobbiamo restare più concentrati e continuare a lavorare“ ci dice l’esordiente tecnico Mucci che comunque può essere soddisfatta dei suoi atleti, il prossimo impegno a gennaio potrebbe portare notizie più positive.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *