PistoiaVsRagusa#1La stagione di hockey indoor si è chiusa con qualche piccola soddisfazione per la società arancione: il Cus Bologna prestigiosa società da anni ai vertici dell’hockey indoor aveva richiesto alcuni prestiti per effettuare un campionato di vertice ed anche grazie al supporto degli atleti pistoiesi (Fedi, Mascia, Musto ed il giovanissimo Giordano) che la formazione felsinea si è laureata vicecampione italiana con l’estremo arancione Musto, premiato come miglior numero uno del torneo. Ma il campionato di Serie A2 di hockey su prato riprende da sabato e l’Hockey Club Pistoia è chiamato subito ad una dura prova. Purtroppo la prima fase del torneo non è stata fortunata per gli arancioni; nonostante abbiano disputato un discreto campionato dal punto di vista tecnico tenendo testa a quotate formazioni come il Cus Pisa o l’Hockey Butterfly Roma con ottimi pareggi esterni oppure mettendo in difficoltà la capolista Uras giocando quasi tutto l’incontro in inferiorità numerica, ha subito in altre gare delle sviste arbitrali che le hanno tolto dei punti sacrosanti. A ben vedere l’unica partita dove i pistoiesi hanno veramente combinato guai è quella contro il San Giorgio dove avrebbero dovuto guadagnare almeno un punto, sta di fatto che la pausa indoor ha colto gli arancioni all’ultimo posto anche se ad un punto di distanza ci sono ben tre formazioni tra le quali Savona e Reggio Emilia che saranno i prossimi avversari dei ragazzi del presidente Gori. L’esordio di sabato al Frascari ore 15.00 vedrà di scena i liguri, squadra ostica con atleti di buona tecnica che all’andata guadagnò i tre punti ma la formazione allenata da Treno, in quel caso pagò il dazio che spesso tocca alle matricole. Però nel corso del torneo i pistoiesi sono cresciuti tecnicamente e di consapevolezza nei propri mezzi, inoltre non si può concedere agli altri competitori altri punti per cui occorre tanta concentrazione, gambe, cuore e voglia di prendersi i punti necessari per rimettersi nel gruppo per giocarsi le proprie carte nel campionato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *