IMG-20140511-WA0016Il risultato non dice la verità su come si è svolta la gara. La formazione arancione messa in campo da Mister Treno composta dai più giovani atleti orfani degli esperti Fedi e Martinelli in difesa e di Bodnar in avanti, non è stata inferiore al Cus Pisa. Far punti era, ed è, una necessità assoluta; coraggiosamente i pistoiesi hanno sempre cercato di imbastire azioni per insediare gli avversari, senza risparmiarsi, mettendoli anche in anche difficoltà. Quando necessario si sono difesi con ordine, si può dire che l’estremo arancione ha compiuto diversi interventi ma praticamente ordinaria amministrazione, però i pisani hanno giocato “da Cus Pisa” cioè manovrando con ordine, applicando precisamente gli schemi ed approfittando di qualsiasi occasione fosse loro capitata. La gara ha questo copione: Pistoia, che schiera quasi una under 20, spinge con i centrocampisti e costruisce diverse manovre ma la difesa pisana spesso argina gli attacchi arancioni anche se in un paio di casi l’estremo ospite deve effettuare difficili interventi, purtroppo Pistoia non riesce a passare e Pisa con calma ed esperienza si porta avanti; la difesa dei padroni di casa regge bene ma commette una sola disattenzione e Pisa segna su una respinta del portiere pistoiese a metà del primo tempo. Pistoia assorbe il colpo e la spinta dei gialloblù che cercano di sfruttare il momento favorevole ma gli arancioni continuano a macinare gioco non riuscendo a sfruttare anche dei corner corti per il pareggio, è un buon momento, Pisa è pressata e rischia più del dovuto e la prima frazione si chiude con Pistoia in attacco. La ripresa vede Pisa gestire all’inizio la gara, Pistoia non riesce a far ripartire il gioco ed è costretta sulla difensiva, col passare dei minuti però si riesce a far arrivare i rifornimenti alle punte, ci sono un paio di spunti che avrebbero meritato miglior fortuna e verso la fine della gara poteva anche esserci l’occasione di pareggiare, peccato non aver sfruttato a dovere un corner corto. Nel proseguo Pisa da l’impressione di controllare il match ma i ragazzi del presidente Gori, spesso con folate offensive cercano la rete, peccato per la poca lucidità nei metri finali ma gli atleti hanno speso molto e purtroppo dall’altra parte ci sono difensori con ottima tecnica e che giocano a alti livelli da molto tempo, non è facile superali. La gara si chiude con la vittoria ospite ma ai pistoiesi non si può rimproverare molto: i ragazzi hanno giocato con cuore e disciplina, senza risparmiarsi, magari sarebbe stata utile un po’ più di calma e sfruttare meglio i corner corti assegnati loro dalla coppia arbitrale, una prestazione non buona la loro: spesso hanno lasciato correre su falli di “mestiere” dei difensori pisani con decisioni dubbie anche in altre situazioni; l’unica buona notizia viene dai risultati delle altre squadre concorrenti, tutte sconfitte per cui la situazione non è mutata ma domenica c’è da andare in Sardegna contro la capolista Uras con la missione di disputare un incontro onorevole, da quanto visto oggi la giovane pattuglia di Treno ha questa possibilità.

Lascia una risposta