COMMENTO STAGIONE 2003/2004
Non stata una stagione brillante per quanto riguarda i risultati per l Hockey Club Pistoia. Se si esclude lennesima finale indoor Juniores (ormai la consideriamo quasi scontata ma invece ogni anno pi difficile da raggiungere) non ci sono altri risultati degni di nota. Diciamo comunque che devono essere considerate note positive anche la compattezza della squadra Ragazzi (nonostante tutto il gruppo in crescita e il gruppo sempre pi unito) e la squadra Ragazze che pur avendo poche opportunit per giocare si dimostra sempre compatto e presente (credetemi io, nella loro situazione, avrei smesso di giocare!). Questo dal punto di vista agonistico, mentre dal punto di vista societario stato un anno controverso: le scuole, avvalendosi dellenorme lavoro di Roberto Natali e coadiuvato questanno anche dal Presidente Loreti, hanno avuto una nuova spinta tornando a far sperare per il prossimo anno di avere un squadra Under 14 da presentare in campionato; il campo invece dopo aver raggiunto quasi un accordo tra Provincia e Federazione per la costruzione ripiombato nelle losche trame politico-burocratiche.

COMMENTO SENIOR
Anche per quest”anno la stagione della squadra Seniores mediocre. Buona Coppa Italia , malino il Campionato Indoor (dove eravamo sicuramente i favoriti per il passaggio del turno), discreto il Campionato Prato Serie B.
E” stato l”anno della svolta: fuori molti “vecchi” (chi per scelta , chi per obbligo…) dentro i giovani della Juniores ;questa scelta societaria insieme alla possibilit di avere allenamenti su campi in sintetico (Uzzano quasi regolamentare) e le partite sempre su sintetico (Pisa) ad inizio stagione dovevano portare ad una stagione se non vincente ma quanto meno da protagonisti. Cos non stato anche se linizio stagione con la Coppa Italia giocata a buon livello e alcune amichevoli avevano fatto pensare a ben altra stagione. Il Campionato Indoor forse la delusione pi grande considerando che venivamo dalla finale (persa ai rigori) per laccesso alla 1^ Divisione dellanno passato, che conoscevamo molto bene le avversarie e che eravamo rinforzati dall olandese Eric Brenninkmajier. Purtroppo per noi 4^ posto finale ma quasi mai in corsa per il passaggio del turno. Il Campionato di Serie B inizia molto male con un girone di andata che vede solo due vittorie (di cui una contro il Sestri faticando fino allultimo minuto) e ben quattro sconfitte; il girone di ritorno invece stato nettamente migliore vincendo quattro partite (battendo tra laltro la prima e la seconda della classifica) e pareggiando una sola volta, ma ormai era troppo tardi per qualunque obiettivo.
Dispiace aver perso delle occasioni buone per il superamento del turno sia nellindoor che nella Serie B, anche perch il potenziale della squadra molto superiore e scoprire il motivo per cui non stato sfruttato sar il compito per la prossima stagione dellallenatore e dei dirigenti.

COMMENTO RAGAZZE
Commentare una stagione sportiva avendo partecipato solo al campionato indoor, non certo facile, ma ci proveremo.
La stagione si subito presentata difficile, visto il residuo numero di ragazze facenti parte della squadra e purtroppo gi condannate a svolgere solo un campionato, quello indoor appunto.
La prima parte della stagione stata costellata di alti e bassi, le nostre ragazze hanno alternato grandi prove nei tornei svolti, (Vittoria nel Torneo di Villeneuve Loubet, buone prova in quello di Pisa) a prove opache, come nella prima parte del Campionato (1 Concentramento a Roma), nettamente meglio invece andata nel Concentramento di Ritorno a Pistoia.
Che dire adesso della stagione prato, doveroso ricordare la partecipazione al torneo di Cesenatico, dove anche in quella occasione le nostre ragazze hanno ben figurato, peccato per alcune partite andate male, perch le nostre si potevano meritare qualche posizione in pi (4 posto finale raggiunto). La stagione su prato per le nostre ragazze per non finisce qui, infatti il primo week-end di luglio sono impegnate con un torneo a Trieste, speriamo sia la volta buona per vederle affermarsi anche su prato, io ci credo e sicuramente lo faranno anche le ragazze!
Due parole devo per spenderle a favore di queste giovani atlete, che nonostante fossero al corrente della difficile situazione, non potendo giocare una gara vera su prato, non si sono mai tirate indietro e si sono sempre impegnate sia agli allenamenti sia nelle sporadiche occasioni in cui hanno giocato, un grazie da parte mia e della societ.
Un doveroso ringraziamento va agli allenatori Michele Loreti e Riccardo Fedi per il lavoro svolto.
La prossima stagione sicuramente dovr e sar piena di sorprese e di novit, grazie allaiuto dei professori di Ed. Fisica Zabaroni e Pastacaldi riusciremo a formare una squadra che sar in grado di partecipare sia hai Campionati Indoor sia hai Campionati su Prato, questo lobbiettivo principale che vogliamo e dobbiamo raggiungere.

COMMENTO RAGAZZI
Stagione altalenante questanno per la nuova formazione ragazzi, che si presentata con un gruppo di nuovi giocatori.
Si tratta delle giovani leve che hanno cominciato la loro attivit agonistica da un paio danni qualcuno nel gruppo sportivo scolastico altri saliti dalla categoria allievi. Sono ancora molto giovani ed hanno ancora molto da imparare, manca loro ancora quel tocco di furbizia che non pu essere insegnata, ma si acquista via via col passare del tempo e soprattutto giocando. La stagione indoor li ha visti dover affrontare squadre con un paio danni di esperienza in pi, che ha fatto la differenza, anche se secondo il mio modesto avviso, con un maggiore impegno avrebbero potuto fare molto di pi. Nella stagione prato si sono trovati di fronte ad una situazione completamente nuova, a partire dal campo. Per loro, infatti, si tratta dellesordio totale, non avendo mai disputato una partita a 11 n tanto meno non aver mai calpestato un campo da gioco a 11.
Risultato quindi condizionato non solo dalla completa mancanza della visione di gioco, dovuta oltretutto anche dallassenza di un campo dove potersi allenare, ma anche perch si sono trovati di fronte formazioni con unesperienza maggiore della loro. Questanno quindi stato un po un banco di prova per questo gruppo che dovr crescere ancora e che ha tutte le carte in regola per poterlo fare, basta avere un po pi di malizia in campo e un maggiore impegno negli allenamenti anche se purtroppo costretti in una palestra. Per la prossima stagione di categoria si prevede un passo avanti considerando che, le squadre avversarie (sempre che verremo assegnati allo stesso girone), si dovranno rinnovare completamente per il passaggio di categoria dei giovani di questanno, ma anche partecipando a tornei extra campionati che permettano alla squadra di trovare una forma fisica e tecnica migliore (siamo gi iscritti al torneo di categoria di Trieste del prossimo 2 luglio).

COMMENTO JUNIOR
Quinta finale disputata in quattro anni (3 nella competizione indoor, conquistando uno scudetto) per i ragazzi di Filippo Treno e un striminzito 7^ posto che lascia un po lamaro in bocca. Ma partendo per gradi, i nostri ragazzi disputano un ottimo girone qualificatorio a discapito dellormai celebre rivale del Savona HC. Girone che si svolto nella formula di tre concentramenti, nei quali ragazzi hanno dimostrato un ottimo carattere e spinti da una forte motivazione si sono presentati carichi negli ultimi due (rimediando un avvio non positivo): infatti Hc Lliguria, Cus Genova e in fine Savona Hc vengono travolti dalla furia arancione mettendo un piede verso le finali di la Spezia. Lultimo concentramento a Campo ligure serve solo a confermare la forma dei pistoiesi che ottengono 9 punti. Pistoia in finale nazionale a La Spezia 7/8 febbraio. Il girone dei junior pistoiesi preoccupa lallenatore; il Valverde squadra composta da 4 nazionali che disputano il campionato di serie A2, ed il Bondeno neo campioni dItalia U16. Comunque la partita pi importante era quella con i siciliani. Una gara che ha dato lemozione di una finale scudetto, carica di agonismo e da una parte (Pistoia) organizzata da un impianto tattico eccellente, dallaltra (Valverde) costituita da individualit che onorano la maglia azzurra. Al termine vedevano tutti il Pistoia come una delle candidate alla finale primo secondo posto. Ma come si dice, gli arancioni scivolano su di una buccia di banana facendosi battere dal Bondeno che ormai sembrava fuori dai giochi, crollando cos tutte le speranze e ormai anche la finalina per il 7 e 8 posto solo pro forma.
A giochi fatti viene in mente solo una parola delusione in effetti questo stato, ma linsegnamento del ct della nazionale U18 al telefono con Treno chiaro: eravate una delle favorite, ma non bisogna mai esaltarsi per una vittoria e ne scoraggiarsi per una sconfitta, ma affrontare ogni partita con la giusta determinazione. Comunque giusto dire che Schiavelli merita il virtuale premio di rivelazione per lindoor disputando un campionato eccellente anche nelle convocazioni con la senior, e Musto in porta spesso stato determinante, anche Banchellini, Anabasi, Bottari, Vignali e Valdiserri hanno dato peso a un gruppo che avrebbe meritato di pi.

OBBIETTIVI PROSSIMO ANNO
Dal punto di vista tecnico lobiettivo principale schierare una squadra Under 14 (cosa assai probabile) maschile, potenziare la squadra Under 16 maschile (secondo campionato di categoria consecutivo) e per il settore femminile favorire linserimento di alcune atlete di Monsummano e sperare che la Federazione riesca a realizzare un Campionato Under 18 di hockey a 7 (sono ormai tre anni che chiedo personalmente questa cosa anche perch lunico modo per poter consentire a molte societ di partecipare in questa categoria).
Dal punto societario, dopo la delusione derivante dal probabile fallimento del progetto campo in sintetico, spero che tutti i dirigenti continuino nella loro opera anche il prossimo anno anche perch abbandonare adesso a met del mandato non sarebbe corretto nei confronti di coloro che li hanno eletti.